...ma io vi dico

26 febbraio
Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 5,20-26 

 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli. Avete inteso che fu detto agli antichi: Non ucciderai; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: Stupido, dovrà essere sottoposto al sinèdrio; e chi gli dice: Pazzo, sarà destinato al fuoco della Geènna. Se dunque tu presenti la tua offerta all'altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all'altare, va' prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono. Mettiti presto d'accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino con lui, perché l'avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga gettato in prigione. In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all'ultimo spicciolo!».

1.

E' una questione di principio!

La legge per l'uomo o l'uomo per la legge?

2.

...ma io vi dico.

Quanto le Sue vie sono distanti dalle mie?

3.

Penso ad una situazione di conflitto. Com'è nata? Quanto tempo fa? Cosa posso fare per riconciliarmi?

Centro La Famiglia - Via della Pigna 13/A - 00186 ROMA

+39 06.6789-407 - info@centrolafamiglia.org 

© 2021 Tutti i diritti riservati

  • Facebook

Seguici

SICOF - Scuola Italiana Consulenti della